COMUNICATO STAMPA – Vitigni e Vini Fratelli d’Italia 2017 – III Edizione

COMUNICATO STAMPA

 

 

VITIGNI E VINI FRATELLI D’ITALIA FIDELIZZA SOMMELIER E WINE LOVERS

 

Fra le rosee sfumature di un tramonto di inizio estate, l’accogliente location di Cortenova Ricevimenti, ha ospitato, giovedì 15 giugno, sommelier e wine lovers fedeli a “Vitigni e Vini Fratelli d’Italia”, giunto alla sua III Edizione. L’Evento targato AIS Murgia, con il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Agricole della Regione Puglia, vede la valorizzazione del territorio della nostra penisola dal vasto panorama ampelografico, nella scrupolosa e minuziosa ricerca di Vini da vitigni autoctoni che parlano di storia e tradizione e di Amore per la nostra Terra.

Uniti in una serata tinta dei colori della nostra Italia oltre 700 le presenze che hanno riconosciuto il grande lavoro di Delegazione, impegnata per mesi nella ricerca di Vini che testimoniassero tipicità e franchezza di un territorio piuttosto che di un altro, da nord a sud, da est ad ovest del nostro bel Paese e che ha visto strutturato quest’anno un team suddiviso per macroaree: per il nord la scrivente, per il centro Elisabetta Attanasio, per il sud Valentina Lillo supportata dal Delegato Vincenzo Carrasso, per le isole ed il Trentino il Vicedelegato Gianni De Gerolamo. Per lo stoccaggio Francesco Fantò.

Il seminario introduttivo “Indigeni o autoctoni, ma figli della propria Terra”, ha visto una grande affluenza di appassionati cari al tema dell’autoctonia ed incuriositi dall’intreccio di aneddoti di storia e scienza raccontati dal Ricercatore Prof. Mariano Nicòtina – Università Federico II di Napoli – Facoltà di Agraria e dal Dott.re Giuseppe Baldassarre responsabile Guida Vitae per la Puglia e componente della commissione didattica AIS, nonché responsabile eventi AIS Murgia.

A sottolineare fin dalle prime battute quanto un Vino sia la chiara espressione di ogni singola regione, Vincenzo Carrasso, Delegato AIS Murgia, a cui si deve l’idea vincente, di questo così come di altri format, in cui si palesa una costante e crescente voglia di sapere e di comunicare con dati alla mano ed emozioni nel cuore questo affascinante mondo del Vino.

Prende così forma l’Evento in un excursus storico tracciato da Nicòtina e sulle motivazioni legate al nome della sua Azienda, nata nel 2000, “Poggio alla Meta”, “al di là dei monti del Parco Nazionale d’Abruzzo”. Grande impegno e devozione nella riscoperta di quattro vitigni originari del basso Lazio, Maturano (etimo grappoli già maturi in vendemmia), Pampanaro (etimo “pampini”, foglie larghissime), Capolongo (etimo viti maritate “che tendono il capo”), a bacca bianca, e Lecinaro, a bacca rossa, dei quali i primi tre prodotti enologici di spicco dell’Azienda. Proposti all’ARSIAL (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio) nel 2009, i Vitigni sono stati ufficialmente riconosciuti come autoctoni nel 2010 ed iscritti nel registro delle viti da vino laziali. Le attività di ricerca dell’Azienda, attenta ad una produzione biologica e biodinamica, per la salvaguardia delle biodiversità e la tutela del consumatore finale, attraverso l’utilizzo di particolari accorgimenti fra cui lieviti indigeni, lieviti, cioè, senza trattamenti con organici di sintesi, spaziano ben oltre, e vedono come oggetto di studio anche il Maturano Nero, Capolongo Rosso ed Uva Giulia.

Di Baldassarre una oculata analisi delle attività di above and below the line del mondo vitivinicolo, che vede interessati, Sommelier, attenti degustatori di realtà differenti, Ricercatori che nel tentativo di recuperare il rapporto con la Terra rintracciano vitigni in via di estinzione per la produzione di Vini di nicchia e Produttori che parlano con la vigna alla quale dedicano gran parte delle proprie energie. Il tutto in un Viaggio mosso da “Curiosità”: C. Sensoriale per i primi, C. Intellettuale per i secondi, C. Emozionale per i terzi, a contribuire alla nostra “Bella Italia fatta di un mosaico di storie” (cit. Baldassarre).

E come “esseri emozionali che conoscono portando a casa il riverbero delle proprie emozioni” (cit. Baldassarre) ci siamo lasciati guidare dai sempre preparati sommelier AIS nella degustazione itinerante fra i giardini di Cortenova Ricevimenti in un viaggio sensoriale interregionale fra 111 Cantine e 137 Etichette.

Ed ecco che ancora una volta le Emozioni colorano di mille sfumature una serata senza eguali, e si collocano da “sottofondo” per lasciarsi trasportare da bouquet inconfondibili e dal gusto accattivante ora di un calice di Vino che parla di allevamenti eroici di montagna, ora di fresche brezze di collina, ora di calde pianure soleggiate di un Paese che racchiude mille scenari, che ammalia i nostri sensi e che stuzzica il nostro Sapere.

Si ringraziano per la degustazione Wine&Food:

tutte le Cantine presenti, per l’estrema disponibilità accordataci;

Eleat – Distributori di Sapori, il Consorzio del Pane di Altamura DOP, il Frantoio Oleario Mancino, il Caseificio/Macelleria Nuzzi, la Braceria Lippolis, il Salumificio Liuzzi, per aver accompagnato i Vini degustati in totale armonia.

Un ringraziamento ulteriore a quanti intervenuti ed al motore sempre acceso e scattante di AIS Murgia.

Simona Maggio

15 GIUGNO ORE 19.30

 

CORTENOVA RICEVIMENTI – CASAMASSIMA (BA)

 

​VITIGNI E VINI FRATELLI D’ITALIA 2017​ –  III EDIZIONE

 

​Nomi dialettali, nomi scientifici, nomi generici, nomi e aneddoti… contraddistinguono e nomenclano​ vitigni e vini in ogni parte della nostra Enotria.

La curiosità di conoscerli e di scoprirne gusto e storia, anche quest’anno vi immergerà in un panorama sconosciuto.

E se sconosciuto un vino non lo è?

Allora vuol dire che vi abbiamo selezionato vini ​sanguinei​ ovvero figli di quel territorio, di quella terra e di quella esclusiva cultura enologica.

La ricerca del mondo scientifico è irrefrenabile e propositrice di nuove sperimentazioni in viticoltura e in enologia.

Nessuna Regione esclusa e per ognuna almeno tre vini e tutti diversi tra loro. Ma in qualche caso abbiamo esagerato. Non per volontà nostra ma per la generosità dei produttori e dei vignaioli.

In questa terza edizione stupiremo prima noi stessi e poi anche voi !!!

La presenza di alcun produttori, ai quali non potremo non cedere la parola e sarà incanto ascoltarli.

La presenza del ricercatore prof. Mariano Nicòtina – della Facoltà di Agraria dell’Università Federico II di Napoli per presentarci i vitigni da lui studiati e unicamente prodotti dalla sua Azienda.

Il percorso enografico stravagante e curioso sui vini in degustazione, curato dal dott. Giuseppe Baldassarre, responsabile Guida Vitae per la Puglia e componente della commissione didattica AIS, oltre a responsabile eventi AIS Murgia.

Il tutto introdotto dal Delegato Murgia Vincenzo Carrasso – coordinatore didattico AIS Puglia – “Le strategie per la ricerca e i rapporti con i produttori di tutta Italia”. Fascino dell’ascolto e della curiosità indotta.

Gli spazi esterni e i giardini di Cortenova accoglieranno tutti voi per gli assaggi presentati dai nostri sommelier e da coloro che hanno mantenuto i contatti con i produttori.

La gastronomia murgiana accompagnerà i vini.

100 le cantine o forse più. Molte di più le etichette !!!

 

L’ingresso all’evento al costo di € 20,00 prevede:

  • ORE 19.30-20.30 partecipazione al seminario:”indigeni o autoctoni, ma figli della propria Terra”
  • calice
  • dalle ore 20.30 degustazione libera di tutti i vini presenti
  • degustazione a ticket di:salumi,formaggi,spiedino arrosto, olio extravergine di oliva
  • E sicuramente l’impeccabile ospitalità di AIS Murgia

 

Per partecipare prenotare a:

 

Simona 333 9230748 ufficio stampa

oppure inviando una mail a

aismurgia@gmail.com

 

L’ingresso è possibile solo acquistando il ticket

L’ingresso per minori da 12 anni in su (senza consumazione di vino) è di € 10,00

 

LE CANTINE

Valle d’Aosta

Petite Arvine Vigne Rovettas 2016 bio, Grosjean Frères – Quart

Torrette Superieur, Edoardo Braga

Blanc de Morgex et de la Salle 2016, Maison Vevey Albert

Piemonte

Verduno Pelaverga 2016 DOC, Diego Morra, Verduno

Carialoso, Marenco, Strevi – (AL)

Albarossa Piemonte DOC, Marenco, Strevi – (AL)

Castellinaldo Barbera d’Alba 2014 DOC, Teo Costa –Castellinaldo d’Alba

Colline Novaresi Bianco Lucino, Sergio Barbaglia, Cavallirio

Langhe Favorita, Collina San Porzio, Barolo (CN)

Grignolino d’Asti Limonte, Braida Giacomo Bologna, Rocchetta Tanaro (AT)

Lombardia

Lugana di Sirmione, Avanzi

Chiaretto del Garda, Avanzi

La Peccatrice, Azienda Agricola Bisi

Vigna Martina, Isimbarda, Santa Giuletta (PV)

Valtènesi Chiaretto Molmenti, Costaripa, Moniga del Garda

Trentino

Maso Scari Teroldego Rotaliano DOC, Barone de Cles, Mezzolombardo

Mazemino Trentino DOC, Cantina d’Isera, Isera (TN)

Lagrein, Martinelli, Mezzocorona (TN)

Sottovi, Francesco Poli, Vezzano (TN)

Kerner Vigneti delle Dolomiti, Zanotelli, Cembra (TN)

Manzoni Bianco IGT 2015 Zanotelli, Cembra (TN)

Trentino DOC Lagrein Kretzer 2016, Cantina Toblino, Clavino (TN)

Enanthio Piedefranco, Bongiovanni, Sabbionara d’Avio (TN)

Vigneti delle Dolomiti Rosso IGT “708 km” 2013, Cembrani DOC

Marzemino d’Isera Trentino Superiore DOC, De Tarczal, Isera (TN)

Moscato Giallo Trentino DOC,  De Tarczal, Isera (TN)           

Veneto

Corvina, Tinazzi, Lazise (VR)

Lugana, Tinazzi, Lazise (VR)

Recioto della Valpolicella Spumante 2015, Cantine di Negrar, Negrar (VR)

Bardolino Chiaretto Classico, Cantina Caorsa, Affi (VR)

Bardolino superiore classico, Cantina Caorsa, Affi (VR)

Piave Carmenere 2016 DOC, Casa Roma, San Polo di Piave (TV)

Friuli Venezia Giulia

Terra Roza Brut, Bajta, Sgonico (TS)

Collio Malvasia , Paolo Caccese, Cormons (GO)

Vitovska, Kante, Duino Aurisina (TS)

Friuli Colli orientali Schioppettino di Prepotto 2014 , Petrussa, Prepotto (UD)

Friuli Isonzo Friulano , Borgo san Daniele, Cormons (GO)

Friulano, Il Carpino, San Floriano del Collio (GO)

Alto Adige

Moscato Rosa DOC Rosis, Kellerei

Alto Adige Lago di Caldaro Classico DOC Superiore Pfarrhof, Kaltern

Alto Adige Valle Isarco Gruner Veltliner, Tenuta Ebner, Renon

Zweigelt, Tenuta Ebner, Renon

Alto Adige Lagrein Kretzer, Muri, Gries

Kerner, Strasserhof

Liguria

Riviera ligure di Ponente Granaccia, Massimo Alessandri, Ranzo

Ormeasco di Pornassio Superiore, Tenuta Maffone, Pieve di Teco (IM)

Barba di Rame Rossese di Dolceacqua Superiore  2015, Maixei, Dolceacqua

Riviera Ligure di Ponente DOC Pigato Albium, Poggio dei Gorleri, Diano Marina

Emilia

Lambrusco di Sorbara Sant’Agata 2016, Gianfranco Paltrinieri, Bonporto (MO)

Colli Bolognesi Pignoletto Superiore, Isola, Monte San Pietro (BO)

Colli Piacentini Malvasia Boccadirosa, Luretta, Gazzola (PC)

Lambrusco di Sorbara Lambrusco del Fondatore, Cleto Chiarli, Castelvetro (MO)

Romagna

Barbarossa Vigna del Dosso, Fattoria Paradiso, Bertinoro (FC)

Viola Extra Dry, Trerè, Faenza (RA)

Serenaro, Villa Venti, Forlì (RA)

Morosè Brut, Poderi Morini, Faenza (RA)

Centesimino 2015 rosso IGT, La Sabbiona, Faenza (RA)

Vip 2016 bianco IGT, Famoso, La Sabbiona, Faenza (RA)

Alba della Torre Romagna Albana secco 2016 DOCG, La Sabbiona, Faenza RA

I Calanchi Fosso vecchio IGT 2011, Cantina Intesa, Faenza RA

Toscana

Malvasia Nera, Agrisole, San Miniato (PI)

Querciolaia, Fattoria Mantellassi, Magliano in Toscana (GR)

Belrosso 2015 CANAIOLO, La Querce, Impruneta (FI)

Terigi 1876, Simona Ceccherini, Massa marittima (GR)

Foglia Tonda, Dalle Nostre Mani, Fucecchio (FI)

Umbria

Trebbiano Spoletino, Cantina Pardi, Montefalco (PG)

Verdello, La Palazzola, Scroncone (TR)

La Bisbetica Rosè, Madrevite, Castiglione del Lago (PG)

Scacciadiavoli brut rosè, Scacciadiavoli, Montefalco (PG)

Ciliegiolo, Podere Fontesecca, Città del Pieve (PG)

Marche

Bianchello del Metauro superiore Celso 2016 , Guerrieri,  Piagge (PU)

Dasempre del Pozzo Buono, Vicari, Morro D’Alba (AN)

Vettina, Terracruda, Fratte Rosa (PU)

Pergola Aleatico Vernaculum, Fattoria Villa Ligi, Pergola (PU)

Colli Maceratesi Ribona, Murola, Urbisaglia (MC)

Lazio

Moscato Terracina Amabile Templum 2016, Cantina Sant’Andrea, Terracina

Tempranijo 2015 lazio IGT, Casale del Giglio, Latina

Bellone, I Pampini, Latina

Alea Viva 2015 Aleatico, Andrea Occhipinti, Gradoli (VT)

Cesanese del Piglio superiore, Coletti Conti, Anagni (FR)

Apolide Nero Buono di Cori, Marco Carpineti, Cori (FR)

Pilùc Passerina del Frusinate 2016 IGT Orange wine biodinamico, Poggio alla Meta, Casalvieri (FR)

“Pampanaro”  pampanaro del Frusinate 2015 IGT bio, Poggio alla Meta, Casalvieri (FR)

Maturano bianco del Frusinate 2016 IGT bio, Poggio alla Meta, Casalvieri (FR)

Capolongo del Frusiante 2016 IGT biodinamico, Poggio alla Meta, Casalvieri (FR)

Abruzzo

Plaisir bianco, Zaccagnini – Bolognano

Thalè, Montepulciano d’Abruzzo, Casal Thaulero

Duca, Codice Citra –  Ortona

Passerina, Casal Thaulero

Hortāri Brut Nature, Codice Citra –  Ortona

Ferzo Cococciola superiore, Codice Citra –  Ortona

Laus Vitae Montepulciano d’Abruzzo DOP Codice Citra –  Ortona

Molise

Falanghina del Molise 2016, Campi Valerio, Monteroduni

Petriera Rosé, Cantine Catabbo, San Martino in Pensilis

Tintilia del Molise Rosato Dajje, Cantina Cieri, Termoli

Campania

Caiatì, Alois, Pontelatone

Ischia Forastera, Casa D’Ambra, Forio d’Ischia

Campi Flegrei Piedirosso DOC, Contrada Salandra, Pozzuoli (NA)

Katà Catalanesca del Monte Somma IGP, Cantine Olivella, Sant’Anastasia

Emblema Caprettone Vesuvio, DOP Cantine Olivella, Sant’Anastasia

Liberi Casavecchia di Pontelatone DOP, Sclavia Azienda Agricola, Liberi (CE)

Coda di Volpe 2016 Irpinia DOC, Antica Hirpinia,Taurasi (AV)

Basilicata

Bacche Rosa, Masseria Cardillo, Bernalda

Fedra, Eleano, Ripacandida

Fra, Grifalco, Venosa

Spumante Rosè, Consorzio Viticoltori Barile

Greco di Matera, Pulizzo

Spumante Moscato, Consorzio Viticoltori Barile

Calabria

Savuto Rosso Classico, Antiche Vigne, Marzi

Vitulia Magliocco, Chimento, Bisignano

Donna Giuliana, Giraldi e Giraldi, Rende

Bianco Baronè, Magna Graecia, Spezzano della Sila

Puglia

Amaluna extradry, Cantine Due palme,  Cellino San Marco

Brindisi Susumaniello, Vallone, Lecce

Moscatello selvatico 2015 IGT salento Monaci, Salice Salentino

Vegamaro, Feudi di Guagnano, Guagnano

Sole, Conti Zecca, Leverano

Quarto colore, Imperatore, Adelfia

Spumante di aleatico,  Leone De Castris, Salice Salentino

Susumaniello Rosato “Elfo” 2016 IGT salento, Apollonio, Monteroni di Lecce

Terra Conca Moscato, Borgo Turrito

Terra Cretosa, Borgo Turrito, Borgo Incoronata (FG)

Cacc’e mitt, Masseria del Sole, Lucera (FG)

Sicilia

Euphorya  Frappato Rosè Spumante Brut – Azienda Casa Di Grazia

Ribeca 2013  Perricone IGT Terre Siciliane – Azienda Firriato

Fileno Grillo, CVA Canicattì, Canicattì (AG)

Cerasuolo di Vittoria DOCG, Azienda agricola Vinanti, Chiaramonte Gulfi (RG)

Frappato IGT, Azienda agricola Vinanti, Chiaramonte Gulfi (RG)

Sardegna

Horus Carignano Del Sulcis rosato DOC  – Sardus Pater

Arruga Carignano del Sulcis Superiore DOC- Sardus Pater

Nieddera Rosato IGT Valle Del Tirso –  Azienda Contini

Vino Rosato Colli del Limbara IGT – Campos-  Cantina Gallura

Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT, Azienda Poderi Parpinello – Alghero (SS)