VINO ED OLIO: TESORI D’ITALIA – IMMAGINI

L’Italia è la patria del vino e dell’olio ed una buona fetta di questo patrimonio nasce proprio dalla nostra Puglia: nell’antichità la nostra terra era parte della cd. Enotria, ovvero la “terra del vino” e l’olio sacro ardeva perenne come simbolo della devozione dell’uomo al divino.

IMMAGINI EVENTO

Proprio per esaltare queste straordinarie risorse alimentari, l’AIS celebra ogni anno la Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole.

La Delegazione Murgia dell’AIS Puglia ha avuto l’onore di organizzare questa Giornata in quel di Noci (BA), città dalla notoria vocazione enogastronomica, la cui Amministrazione Comunale ha concesso il proprio patrocinio alla manifestazione.

Lo scorso 11 Maggio la sala multimediale del Museo dei Ragazzi ha fatto da palcoscenico al Convegno “AUTOCTONIA – Vecchie Cultivar per Nuove Rotte Enogastronomiche”, presentato dal Presidente dell’AIS Puglia, Vito Sante Cecere e moderato dal Delegato dell’AIS Murgia, Vincenzo Carrasso.

In un’epoca segnata dall’imperante omologazione internazionale, il tesoro che ci regalano le viti e gli ulivi sono la sublimazione della storia e dell’identità dei diversi terroir in cui nascono, in stretto connubio con la passione, la tenacia e l’intuizione dei produttori.

Gli interventi dei relatori sono stati incentrati proprio sullo studio, la riscoperta e la valorizzazione dei vitigni autoctoni e delle varietà olearie della nostra Regione, molto spesso misconosciuti, ma dalle elevate potenzialità, soprattutto come volano per lo sviluppo del turismo e del settore agroalimentare.

Il Dr. Pierfederico La Notte, ricercatore del CNR di Bari, ha presentato la sua ultima pubblicazione, vale a dire l’“Atlante dei vitigni tradizionali di Puglia”, facendo anche il punto sul fenomeno Xylella in Puglia.

Il Dr. Giuseppe Baldassarre, membro di Giunta Esecutiva dell’AIS nazionale, ha incentrato il proprio intervento sul ruolo del sommelier nella comunicazione su vitigni tradizionali; chi fa il vino e l’olio deve, infatti, tanto a chi li divulga: si dimentica, spesso, che un prodotto di pregio, senza qualcuno che lo faccia conoscere, è come se non esistesse.

 La relazione dell’Avv. Domenico Demarinis ha avuto come tema la comunicazione, la tutela e la valorizzazione del cd. brand Puglia sui mercati internazionali, mentre quella del Dr. Pietro Quaranta, Dirigente del Ministero Politiche Agricole ha riguardato la contraffazione dei prodotti di qualità nelle vendite on-line.

Il Dr. Gianni De Gerolamo, Vice Delegato dell’AIS Murgia ha focalizzato il proprio intervento sulla necessità di valorizzare i percorsi turistici ed enogastronomici attraverso la promozione degli autoctoni pugliesi ed il Dr. Giovanni Tricarico, Direttore Confcooperative Puglia ha illustrato lo stato attuale della cooperazione in Puglia, fra tradizione ed innovazione.

Il Dr. Michele Peragine, giornalista di Rai 3, ha concluso i lavori rimarcando la necessità di preservare le nostre biodiversità, con particolare attenzione anche alla tutela ambientale del territorio pugliese, la cui bellezza deve costituire la prima vetrina per il turismo.

A chiusura del convegno, nell’anfiteatro adiacente alla sala conferenze, si è svolta la parte edonistica della manifestazione, con l’apertura dei banchi d’assaggio dedicati alle migliori etichette di vino e di olio selezionate dall’AIS Murgia, grazie alla collaborazione delle aziende di settore: in un viaggio alla scoperta di vini e di olii, frutto di un lavoro certosino, quasi sartoriale, il nutrito pubblico di enoappassionati ha potuto toccare con mano la ricchezza e la potenzialità di questi prodotti davvero di nicchia.

Protagonista della serata è stata anche la solidarietà, con la presenza dell’Associazione ZOE e dei ragazzi del Ristorante Teste Calde di Rutigliano, reduci dalla partecipazione al progetto “Sommelier Astemi”, che si sono dedicati con passione alla mescita dei vini in degustazione.

L’appuntamento è per il prossimo anno, nella convinzione che i sacrifici e gli investimenti di ricercatori, produttori e comunicatori, in termini sia economici, sia culturali, siano forieri del meritato sviluppo di tutte le infinite potenzialità del nostro territorio.

 

Giuseppe Bianco – Sommelier

Ufficio Stampa

AIS Murgia